ECCO I CINQUE ERRORI CHE NON DEVI MAI COMPIERE SE DEVI ACQUISTARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Errori fotovoltaicoOggi ho deciso di farti un regalo: dirti senza filtri quali sono le insidie che potresti trovare là fuori, quando devi decidere di acquistare un impianto fotovoltaico per renderti autonomo, almeno in parte, dal punto di vista elettrico.

Credo infatti che per chi vuole acquistare un impianto fotovoltaico sia giunto il momento di fare un po’ di chiarezza, seriamente.

Diciamo che me lo posso permettere: realizziamo impianti dal 2007, e da più di 7 anni miglioriamo costantemente il nostro metodo di lavoro, con un unico obiettivo: la soddisfazione dei nostri clienti.

Ciò che leggerai è il riassunto della nostra esperienza, condensata in poche, semplici regole per non sbagliare: se sei anche solo minimamente interessato ad acquistare un impianto fotovoltaico, ti consiglio di leggere attentamente i cinque errori che commettono tutti:

Errore N.1
Permettere a persone non adeguatamente preparate di mettere le mani sul tetto

 
Sai quanti fori servono per montare un impianto da 3 kWp? Più di sessanta. Per uno da 6 kWp, quasi 130. Ti faresti davvero bucare il tetto, la parte più delicata della tua casa, da qualche elettricista di passaggio? Sarebbe come farsi curare un dente da un ortopedico. Sono dottori tutti e due, ma…

E il tipico approccio delle grandi aziende di “nome”, che operano nel mercato nazionale, e che il più delle volte subappaltano a squadre di installatori locali ovviamente senza nessun controllo diretto.

L’unico modo per risolvere questo problema del tutto è avere una garanzia possibilmente credibile, che si appoggi cioè sulle basi solide di un sistema, in grado di rimborsare eventuali danni.

Errore N.2
Acquistare impianti in kit o con soluzioni preconfezionate.

 
Ogni tetto é diverso, ogni famiglia ha esigenze ed abitudini diverse, ogni abitazione ha consumi diversi, e tu vuoi risolvere il problema con un kit standard?

Non esistono soluzioni migliori di altre a prescindere, esistono soluzioni adatte a certi clienti e soluzioni adatte ad altri clienti. Devi solo pretendere indagini accurate e una valutazione dei risparmi semplice e chiara, personalizzata e possibilmente con una garanzia sul risultato, non solo sui prodotti.

Errore N.3
Lasciarsi tentare dalle “offerte speciali”

 
Diffida da chi ti vuole vendere (o peggio ancora regalare) dispositivi che non ti servono o di cui non senti l’esigenza, solo perché sono in “promozione”. Oggi é certamente possibile valutare la tua casa in modo globale dal punto di vista energetico, ma deve essere fatto con cognizione di causa, non solo perché qualcuno deve svuotare il proprio magazzino, magari di roba cinese.

Quindi se la proposta ha un senso, bene. Altrimenti lascia perdere.

Se hai la necessità di risparmiare anche sulle spese di riscaldamento o vuoi riqualificare la tua casa, prima devi affidarti ad un professionista serio e preparato in grado di effettuare un check-up energetico del tuo immobile, e che ti aiuti ad individuare la soluzione più idonea per te.

Ovviamente una cosa seria non può essere gratis…d’altronde quando serve ti fai curare da uno specialista o prendi medicine a casaccio?

Errore N. 4
Acquistare l’impianto con un finanziamento qualsiasi pensando che il risparmio in bolletta basti a pagare la rata.

 
Evita come la peste i venditori delle Grandi Aziende che cercano di venderti l’impianto finanziato convincendoti che pagherai la rata al posto della bolletta, a prescindere. I motivi sono principalmente due:

  • è vero solo a certe condizioni;
  • con le Grandi Aziende rischi di pagare l’impianto mediamente un 60-70% in più rispetto alla media del mercato. E non sto scherzando.

Intendiamoci: non é che non si possano acquistare gli impianti a rate; semplicemente bisogna essere consapevoli che la rata è un costo in più (conosci una banca che ti presta i soldi gratis?), e il risparmio che otterrai in bolletta non sempre è in grado di coprire da solo la rata del finanziamento.

fotovoltaicotop

Errore N.5
Aderire a gruppi di acquisto o iniziative del genere.

 
E’ quello potenzialmente più pericoloso. Nel caso in cui tu ne sentissi parlare ancora, sappi che la logica dei gruppi di acquisto è morta e sepolta. Era qualcosa che aveva senso nel 2009/2010, o giù di lì. Oggi i prezzi dei materiali sono talmente compressi che lo “sconto quantità” non esiste più. Quindi le aziende che si aggiudicano questi “gruppi” hanno un solo modo di guadagnare: fare economia sui costi di posa dell’impianto, a scapito dell’ignaro utente convinto di aver fatto l’affare. Potranno dirti che le aziende sono serie, che hanno già gestito altri gruppi di acquisto in passato e così via. La verità? Sarai un numero in mezzo ad altri numeri.

Si, lo so cosa stai pensando, e magari tutta questa franchezza ti sta anche irritando, perché sto smontando alcune tue convinzioni e tutti noi vogliamo “l’affare”.

Il problema è che è tutto vero, non so cosa farci, non dipende da me. E’ frutto di un mercato cresciuto troppo velocemente, senza controllo, con poche regole, in un periodo di crisi.

Ma non ti devi preoccupare.

Un modo per ottenere il massimo vantaggio nell’aderire ad un gruppo di acquisto te lo spiego in questo articolo.

Se vuoi rendere autonoma la tua casa dal punto di vista elettrico e hai molti dubbi su ciò che trovi in giro, la soluzione giusta per te esiste. È un sistema, che si chiama FOTOVOLTAICOTOP.

fotovoltaicotop

Se invece sei ancora indeciso, ho scritto un bell’articolo sui motivi che bloccano le persone nell’acquistare un impianto fotovoltaico. LEGGI QUI!.

Se questo articolo ti è piaciuto fammi sapere cosa ne pensi lasciando un commento.

A presto!

5 thoughts on “ECCO I CINQUE ERRORI CHE NON DEVI MAI COMPIERE SE DEVI ACQUISTARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO”

  1. Salve..chiedo un consiglio..ho acquistato un impianto a Isola..me lo hanno installato e il 3° gg si è bruciato..il venditore e di sassari e ha acquistato tutto il kit in Calabria..dopo 19 gg dalla rottura me lo portano riparato..ma: tempo 10 secondi ed era nuovamente bruciato..e a oggi sono a 22 gg senza corrente.come devo comportarmi secondo voi?

  2. Buona sera Loris,
    ultimamente sto avendo problemi con l’impianto fotovoltaico a causa dell’inverter che si e guastato per due volte consecutive in breve tempo. Il problema è che non riesco a comunicare con il GSE per poter avvisare la mancata produzione di energia. Mi chiedevo se può farmi avere un indirizzo per inviare una mail o anche uno per poter inviare una raccomandata così posso evitare di entrare dal portale cosa che mi è impossibile.

    Attendo una risposta.
    Cordiali saluti.

    1. Salve Ely, non ho particolari indirizzi o telefoni, i modi per comunicare con gse sono quelli canonici il call center, le mail o via Twitter (se ho capito la domanda). Trovi tutto sul sito.
      Una nota: in caso di guasto dell’inverter devi SOLO comunicare l’avvenuta sostituzione con una procedura specifica, che devi fare dalla tua area riservata. Nient’altro.

      Loris

  3. Ah averlo letto per tempo…purtroppo ci hanno convinto che la rata sarebbe stata coperta dai pagamenti GSE e dal rimborso IRPEF, in più la bolletta doveva ridursi del 70%…niente di tutto ciò si è avverato…ci ritroviamo con una spesa in più di 2000 euro l’anno….era meglio prima! Grazie comunque di aver confermato i miei dubbi…ci hanno fregato!

    1. Salve Monica, tu mi confermi che il problema non è il fotovoltaico, ma i VENDITORI di impianti fotovoltaici…ovviamente non conoscendo la tua situazione specifica non riesco a dare un giudizio nel merito, ma bisognerebbe fare una valutazione complessiva sull’energia prodotta, immessa e sui prelievi per capire cosa sta succedendo.

      A presto!

      Loris

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *